Blog: http://makia.ilcannocchiale.it

Io, invece, non ho un grammo di poesia

M'hanno cresciuto Dei
quieto come nel mondo del silenzio
l'ineffabile chiarore del vetro
ha colorato la pelle, il dolore.
immobili sguardi fissi:
la notte inconquistabile,
gli uomini che non sanno come fare.

M'hanno allattato cheti,
ora li riconosco che ti guardo
e mi vuoi offrire il sonno.
Ora li odo chiamare, inseguiti,
che cantano il canto perduto
all'odore del mare.
Ora sanno, e li vedi passare,
che le sere ed i giorni infiniti
s'allontanano e corrono: amare
ora è il verbo dei cuori traditi.



Paolo Birolini

M'hanno cresciuto Dei
Poesie 1981-1986




Nota: il titolo è una citazione di Vincenzo Ricchiuti



Pubblicato il 17/5/2010 alle 8.30 nella rubrica Metà ballerina.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web