Blog: http://makia.ilcannocchiale.it

La solita Radio Juve

Post Juve-Napoli. Sarò stringato, c'è poco da dire e non è un poco che meriti. Partita bruttina. Vinta non tanto col fortunoso gollonzo quanto con la determinazione specialità della casa. Soffrendo e capitalizzando come a Palermo. Andava chiusa prima della ripresa, paventando il crollo successivo. Ci si è riusciti. Una grande occasione a testa, Trezeguet e Hamsik. Un Napoli che comunque all'Olimpico mette in difficoltà specie quando ci sono le seconde linee. All'andata, come al ritorno, vittoria della squadra di casa. La fortuna col Napoli se la fortuna esistesse bilancerebbe la sfortuna se la sfortuna esistesse con la Samp.
Juve raccogliticcia e senza centrocampo titolare ma ben schierata una tantum sugli esterni nel primo tempo con la coppia sinistra-destra Giovinco-Marchionni. In avanti, nonostante gli annunci della vigilia, c'è Trezeguet ma manca l'autore del goal vittoria dell'anno scorso, Jaquinta(che probabilmente giocherà quando ? Coppitalia a parte). C'è il Capitano, talismano sovente a segno contro il Napoli. E così abbiamo scoperto che almeno Ranieri oltre al cambiare ruoli ai giocatori ha imparato qualche altra cosa dal suo breve soggiorno napoletano: la scaramanzia. Inutile, e ve lo dico da cattolico perché Dio esiste. E la logica ci vede benissimo. Un Del Piero, già arrancante mercoledì e parcheggiato nella speranza, grazie al sapiente tocco british del nostro trasteverino preferito ha rimediato una cofana di fischi sbagliando anche le cose più elementari una volta che ha terminato la già scarna riserva.
Andava sostituito all'inizio del secondo tempo ma lì Ranieri ha inventato una difesa col trequartista improvvisato che rimarrà nell'almanacco dei bidoni del calcio.
Difesa in spolvero, centrocampo in panchina, dentro Poulsen e l'ottimo Marchisio.
Napoli che, andrò controcorrente ma dei giornalisti napoletani non ho gran stima, a me è piaciuto più nel primo (quello stroncato dalla prensa locale) che nel secondo tempo.
Non a caso è nel primo tempo di un ordinato 3-5-2, in realtà 5-3-2 perché il vero 3-5-2 in Italia lo fa solo il Palermo, che  Hamsik ha avuto la palla della partita.
Nella ripresa, pur considerando l'apporto di Datolo, confusione. C'è a chi piace, c'è chi ci spera.
Ma disperati si torna a casa. O in panca.
Buffon 10, decisivo. Sia su Hamsik quando lo affronta non abbassandosi a sprezzo della pallonata in faccia, e questa è una cosa che farebbe qualsiasi animale. Sia nell'azione contestata di Cannavaro. Un giornalista napoletano nel dopo partita ha detto che Julio Cesar è più forte di lui. Con questi intellettuali non vincerete mai.
Contronatura.
Molinaro 4, gli danno il premio Sky come miglior calciatore della serata. Che è tutto dire. Poi montano una insussistente campagna revisionista. Molinaro, che nel dopo partita mette gli occhialini da vista come Ferrara per ricordare (Dio lo perdoni) Ferrara, avrebbe sbagliato una sola partita, quella coi russi. E poi. E poi cosa ? Nel clima agonistico coi Montervino va meglio ma che c'entra. Nel dopo partita poi se ne dicono. Sempre nel dopo partita s'è cercato di montare un inesistente caso Ayroldi. Sia su Cannavaro, sia su Denis-Chiellini. Sul secondo, c'è stato un soprassalto di pudore. Sul primo, Lavezzi è comunque in fuorigioco. E Cannavaro non è in offside per il braccio. La linea del piede di Poulsen esclude il piede di Cannavaro.  
Cecati.
Grygera 4, Colpa sua il quasi goal di Hamsik. Se ne dimentica letteralmente, anche se non sarebbe il primo battuto dallo slovacco. Dovrebbe giocare De Ceglie, non lui.
Prezzemollino.
Le Grottaglie 7, in gran ripresa. Rispetto Londra.
Chiellini 8, partita fatta sua. Violentata.
Alla moda.
Poulsen 5, non mi piace e non sono un suo denigratore generico, di quelli che mavolevamoLampard (gli inglesi non li vorrei mai, in Italia almeno, salvo Beckham), non mi piace nella fattispecie. Altre volte, con moderazione gradisco.Si abbassa troppo. E'colpa sua se nella prima frazione il Napoli si trova davanti nel centrale pre area una zona tranquilla e desertificata. Meglio nel secondo quando il centrocampo passa a 3. Ho la vaga impressione che, avendo un calcio pulito ed essenziale, messo a tre quarti dietro le punte avrebbe fatto sfracelli.
Enigma.
Marchisio 7, decisivo. In una Juve da combattimento che adopera il centrocampo solo per portare acqua ai solisti è un titolare di lusso. Dà due piste a Tiago, che comunque si penalizza da solo scendendo al suo livello senza mai proporre altro.
Titolare (si spera).
Marchionni  6,5 , parte a destra, ottima l'intesa quando c'è con Del Piero. Vitale non lo regge.
Poi passa al centro della trequarti dietro le due punte. Non lo sa fare. Non è stata colpa sua.
Amen.
Giovinco, 7, a me è piaciuto molto. Il raga deve essere stato sottoposto a un lavaggio lavacro del cervello. Intendiamoci. Dipende anche molto dalla qualità degli esterni o meglio dalla loro "quantità". Su Montervino maramaldeggia ma a livello europeo forse potrebbe non beccarla mai. Pure con la Samp aveva giocato a questi livelli. Sin troppo disciplinato e inibito nel solismo dell'uno due. Chissà perché.
Paraculo.
Del Piero, si ama. Alla sua età, non si discute più. Basta. Se sbaglia gara, per quanto due cosette quasi per inedia le infila sempre, non si vota. (L') Ha meritato.
Trezeguet no, Cannavaro gli regala un goal, non segna, tap in su Navarro(come in Coppitalia), non segna.
Amauri e Salihamidzic e Mellberg ng
Ranieri: rischia, o meglio gigioneggia fingendo di rischiare. Perchè mi sa che gli frega assai poco del campionato ormai. Fa bene a scegliere gli esterni, fa bene quando entra Datolo a mettergli Salihamidzic contro obbligando Reja a traslocare l'argentino sull'altra corsia.
Sbaglia a non mettere Amauri dal 45'. Fa una cattiveria a Del Piero rimpiazzandolo quando sente i fischi dell'Olimpico. Cattiveria che gli rimbalza perché gli juventini cambiano i fischi in applausi perché acca nisciuno è fesso.
Marchionni tre quarti è una porcheria che qualcuno oblierà. Il tempo è galantuomo.
Lui si, che è very british.

Nb
Ironia della sorte, i napoletani dovranno tifare Juve nel martedì di Coppitalia contro la Lazio. Per via del settimo posto utile per la Uefa.
Ah.
Seconda bolletta vinta sulla Juve. Lo dicevo, che quella di Palermo non sarebbe stata l'ultima.

ricchiuti



Pubblicato il 1/3/2009 alle 13.25 nella rubrica Piperita Patty.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web